Porta Sempione

Porta Sempione  (“Porta Sempione”) è una porta della città di Milano , Italia . Il nome “Porta Sempione” è utilizzato sia per indicare la porta propriamente detta che per il quartiere circostante (” quartiere “), una parte della divisione Zona 1 (il centro storico), compreso il viale principale di Corso Sempione.  [1]  Il cancello è contrassegnato da un arco trionfale diriferimento chiamato  Arco della Pace  , risalente al XIX secolo, anche se le sue origini risalgono a un cancello delle mura romane di Milano.

The gate

Storia

Una porta che corrisponde approssimativamente alla moderna Porta Sempione faceva già parte delle mura romane di Milano. Si chiamava “Porta Giovia” e si trovava alla fine della moderna Via San Giovanni sul Muro. A quel tempo, il cancello era destinato a controllare una strada importante che porta a quello che ora è Castelseprio . Pochissimi resti della struttura romana originale ; alcune lapidi romane che un tempo erano collocate sul lato esterno delle mura sono state impiegate nella costruzione di edifici successivi come la Basilica di San Simplician (situata in Corso Garibaldi).

Nel Medioevo, parte delle mura romane nella zona di Porta Sempione furono adattate come parte delle nuove mura . Il cancello stesso fu spostato a nord, in un luogo che ora è occupato dal Castello Sforzesco . Il Castello stesso fu completato nel XV secolo, sotto il duca Filippo Maria Visconti , e la porta stessa divenne parte del Castello.

Nel 1807, sotto il dominio napoleonico , l’Arco della Pace fu costruito dall’architetto Luigi Cagnola . Questo nuovo cancello segnava il punto in cui la nuova Strada del Sempione entrava a Milano. Questa strada, che è ancora in uso oggi, collega Milano a Parigi attraverso il Passo del Sempione che attraversa le Alpi . A quel tempo, il cancello era ancora chiamato “Porta Giovia”. Quando il Regno di Napoleone d’Italia cadde e Milano fu conquistata dall’impero austriaco , la porta non fu ancora completata, e la costruzione fu abbandonata per un po ‘.

La costruzione dell’Arco fu ripresa, sempre da Cagnola, nel 1826, per l’imperatore Francesco II , che dedicò il monumento al Congresso di Vienna del 1815 . Quando Cagnola morì nel 1833, il suo progetto fu rilevato da Francesco Londonio e Francesco Peverelli, che lo completarono nel 1838.

La porta fu teatro di numerosi eventi di spicco nella storia milanese del XIX secolo. Il 22 marzo 1848, l’ esercito austriaco guidato dal maresciallo Josef Radetzky fuggì da Milano attraverso Porta Giovia dopo essere stato sconfitto nella ribellione dei Cinque giorni di Milano . L’8 giugno 1859, quattro giorni dopo la battaglia di Magenta , Napoleone III e Vittorio Emanuele II d’Italia entrarono trionfalmente a Milano attraverso il cancello.

Struttura e posizione

La porta del Sempione si trova al centro di una vasta piazza rotonda conosciuta come “Piazza Sempione” (Piazza Sempione). E ‘adiacente al Simplon Park , il principale parco cittadino di Milano, che è stato progettato con l’esplicito intento di fornire viste panoramiche che abbracciano sia l’Arco che il vicino Castello Sforzesco .

È un arco trionfale neoclassico , alto 25 me largo 24 m, decorato con un numero di bassorilievi , statue e colonne corinzie . Bassorilievi e statue sono fatti di una varietà di materiali, tra cui marmo , bronzo , legno e stucco . Molte di tali decorazioni, in particolare bassorilievi, sono dedicate ai grandi eventi della storia d’Italia e d’Europa, come la battaglia di Lipsia , la fondazione del Regno di Lombardia-Veneto , il Congresso di Vienna . Altre decorazioni hanno soggetti mitologici classici come Marte ,Cerere , Minerva , Apollo e Victoria – Nike . Ci sono anche un gruppo di statue che sono allegorie dei principali fiumi del Nord Italia come il Po , l’ Adige e il Ticino . Tra gli artisti di rilievo che hanno collaborato alla decorazione della porta ricordiamo Pompeo Marchesi , Luigi Acquisti , Grazioso Rusca , Luigi Buzzi Leone, Giovanni Battista Comolli , Luigi Marchesi , Nicola Pirovano, Francesco Peverelli, Benedetto Cacciatori, Giovanni Antonio Labus, Claudio Monti, Gaetano Monti, Camillo Pacetti , Antonio Pasquali, Giovambattista Perabò, Angelo Pizzi , Grazioso Rusca , Girolamo Rusca e Francesco Somaini. Ai lati dell’Arco della Pace ci sono due piccoli edifici rettangolari che un tempo erano l’ufficio doganale.

Riferimenti nella cultura popolare

Nella sua novella  A Moveable Feast  , Ernest Hemingway menziona l’Arco della Pace, esprimendo la convinzione che il suo orientamento sia parallelo a quello dell’Arco di Trionfo del Carrousel e dell’Arco di Trionfo dell’Etoile a Parigi.

The district

L’area che circonda Porta Sempione è un importante quartiere storico di Milano. Il quartiere comprende anche parte di Corso Sempione, un grande viale che porta a Porta Sempione da nord-ovest. Alcune delle strade più importanti della zona sono Via Canonica, Via Luigi Cagnola, Via Abbondio Sangiorgio, Via Mario Pagano, Via Agostino Bertani, Via Antonio Canova e Via Francesco Melzi d’Eril. Via Melzi d’Eril e Via Antonio Canova formano un semicerchio concentrico a Piazza Sempione.

Il principale punto di riferimento della zona è il Castello Sforzesco , che domina il Parco del Sempione , il più grande e importante parco cittadino nel centro di Milano. Il parco ospita altri celebri monumenti e luoghi di interesse, come la Torre Branca , alta 108 m, il Palazzo dell’Arte (una delle sedi della mostra d’arte della Triennale ), sculture di Giorgio de Chirico e l’ acquario pubblico .

L’intera area è uno dei centri della cosiddetta  movida  milanese (vita notturna), con un numero di bar, pub, ristoranti e discoteche; dal momento che la società televisiva pubblica della RAI , così come alcune importanti stazioni radio , hanno il loro quartier generale nella zona, le frequenti apparizioni di celebrità contribuiscono alla popolarità dei locali notturni del Sempione.  [2]

Riferimenti

  1. Salta^  Nota che, dal momento che “Sempione” è anche il nome del lungo viale che porta alla “Porta”, ovvero Corso Sempione, altre zone di Milano sono a volte indicate con nomi che includono la parola “Sempione”, tuttavia non sono necessariamente nei dintorni di Porta Sempione; ad esempio, il distretto attorno allaCertosa di Garegnanoviene a volte indicato come “Certosa / Sempione”.
  2. Salta in alto^  Il camper del Corriere al Sempione
Top

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *