Piazza Mercanti

Piazza Mercanti  [1]  (“Merchants Square”) è una piazza centrale della città di Milano , Italia . Si trova tra Piazza del Duomo , che segna il centro della moderna città di Milano, e Piazza Cordusio , ed era il cuore della città nel Medioevo . A quel tempo, la piazza era più grande di adesso (come parte di essa è diventata in seguito quella che oggi è Via Mercanti , la strada situata tra Palazzo dei Giureconsulti e Palazzo della Ragione) e conosciuta come “Piazza del Broletto”, dopo il “Broletto Nuovo”, il palazzo che occupava il centro della piazza (ora sul lato nord). Nel 13 ° secolo, vi erano sei punti di accesso alla piazza, ciascuno associato a uno specifico commercio, dai fabbri delle spade ai produttori di cappelli.

Fino alla fine del XIX secolo, Oh Bej! Oh, bej! (la fiera più importante e tradizionale di Milano) si è tenuta in Piazza Mercanti.

I palazzi

La piazza ospita quattro edifici principali:

  • il “Broletto Nuovo”, noto anche come Palazzo della Ragione , occupa il lato nord-orientale. Fu costruito nel 1233 e servito da ” broletto “, cioè la sede amministrativa della città. Nel layout originale della  piazza  , che si estendeva ulteriormente verso nord-est, il palazzo era situato al centro.
  • la Casa Panigarola gotica , detta anche “Palazzo dei Notai”, costruita nel XV secolo, si trova sul lato sud-occidentale;
  • il barocco Palazzo delle Scuole Palatine , costruito nel XVII secolo e progettato da Carlo Buzzi , si trova sul lato sud-orientale; ha sostituito un ex edificio noto come “Scuole del Broletto”;
  • anche sul lato sud-est si trova la Loggia degli Osii , costruita nel 1316 per Matteo I Visconti e progettata dallo Scoto da San Gimignano ; questo era anche un posto amministrativo, e includeva la  parlera  , cioè il balcone da cui le autorità si rivolgevano alla popolazione.

Il cinquecentesco Palazzo dei Giureconsulti , ora in via Mercanti, era solito segnare il lato nord-orientale della piazza prima che fosse ridisegnato. Fu costruito nel 1561 su disegno di Vincenzo Seregni ; la torre dell’edificio è molto più antica, risalente al 13 ° secolo (anche se è stata ampiamente restaurata nel 17 ° secolo).

Al centro della piazza si trova una fossa del XVI secolo, sormontata da due colonne settecentesche. Il pozzo era originariamente adiacente al Palazzo dei Giureconsulti; dove ora si trova, è stata trovata una grande pietra, conosciuta come la “pietra dei falliti”, dove i colpevoli di bancarotta avrebbero esposto il loro fondo nudo come penitenza.  [2]

Monumenti

Un certo numero di statue e altri monumenti si trovano in Piazza Mercanti. Il Palazzo della Ragione ha due rinomati rilievi, uno di un cinghiale (che è riferito di origine romana e associato alla leggenda della scrofa semilanuta ) e uno che rappresenta Oldrado da Tresseno , che ordinò la costruzione del palazzo stesso.

Lo scultore Giovan Pietro Lasagna ha realizzato due statue della piazza, quella dedicata ad Ausonio (situata su Porta Orefici, cioè il “Portale dei gioiellieri”, uno dei punti di accesso alla piazza) e quella dedicata ad Agostino di Ippona (sul facciata delle Scuole Palatine).

Un’altra notevole statua dedicata ad Ambrogio , opera dello scultore Luigi Scorzini , si trova sulla facciata del Palazzo dei Giureconsulti.

Riferimenti nella cultura popolare

Una sequenza del film  Chiedimi se sono felice  del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, fa giocare il trio in Piazza Mercanti, usando l’ aureola di ferro della statua di un santo come cesto. La statua è un’invenzione dei cineasti: non si trova effettivamente nella piazza.

Note

  1. Salta^  Conosciuta anche come “Piazza dei Mercanti”, anche se la particella “dei” (“di”) non fa parte del nome formale.
  2. Vai su^   Guida ai misteri e segreti di Milano (SugarCo 1977), p. 272
Top

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *