Palazzo Litta, Milano

Il  Palazzo Litta  , noto anche come  Palazzo Arese-Litta  , è una struttura barocca a Milano , nel nord Italia, di fronte a San Maurizio al Monastero Maggiore , e risale al periodo della dominazione spagnola della città.

L’architetto Francesco Maria Richini costruì il nucleo del palazzo negli anni 1642-1648 per il conte Bartolomeo Arese , membro di una delle più influenti famiglie milanesi dell’epoca che divenne presidente del Senato di Milano nel 1660. Palazzo Litta divenne così un importante centro della cultura alla moda e politica milanese. Le grandi feste qui organizzate negli anni includevano ricevimenti per l’arciduchessa Mariana d’Austria , per Margaret Teresa di Spagna , per Elisabeth Christine di Brunswick-Wolfenbüttel , per Maria Teresa d’Austria , per Eugène de Beauharnais e per l’arrivo di Napoleone a Milano.

Oltre al suo piano generale, le caratteristiche principali che rimangono sostanzialmente intatte dall’edificio originale del Seicento sono il  piano nobile  (sebbene in gran parte ridecorato) e uno dei cortili di Richini. L’ oratorio familiare , anch’esso opera di Richini, e consacrato nel 1671, fu successivamente trasformato in un teatro privato per l’uso della famiglia e dei suoi invitati. Il teatro, il più antico di Milano, è ancora in uso come il  Teatro Litta di Milano  , che ha anche un secondo spazio espositivo situato nel vecchio stabile.  [1]

Nel 1674 il palazzo passò alla figlia di Bartolomeo Margherita, moglie di Fabio III Visconti Borromeo Arese ; verso la metà del XVIII secolo, quando l’Arese si estinse nella linea maschile, fu ereditato dalla famiglia Litta , i cui membri erano anche prominenti nella vita politica della città.

Fu in questo periodo che furono apportate una serie di importanti modifiche all’edificio. Nel 1740 Carlo Giuseppe Merlo costruì l’imponente scalinata biforcuta (uno  scalone a tenaglia  ) le cui sofisticate curve conducono agli appartamenti del  piano nobile  . Anche questi sono stati ristrutturati in parte, un numero decorato con murales di Giovanni Antonio Cucchi . Mentre tra il 1752 e il 1761  Bartolomeo Bolli  costruì una nuova facciata per l’edificio, molto decorata in modo tardo barocco, o Rococò .

Riferimenti

  1. Salta su^  “Teatro Litta di Milano” . RegioneLombardia: Direzione Generale Cultura, Identità e Autonomia della Lombardia. Archiviato dall’originale in data 2007-09-27 . Estratto il 2007-07-18 .
Top

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *